giovedì 28 aprile 2011

C'è tutto un mondo....

Il ragazzo ventottenne che lavora lì da otto anni, a cui sono stato affiancato in questo mio personale ritorno al futuro in mansioni che all'epoca mi facevano cacare e che oggi se possibile ancora di più (ma la pagnotta bisogna portarla a casa, e allora anche il poco è abbastanza se non hai niente), sembra refrattario a ogni tipo di argomento che esuli dal controllo numerico su cui lavoriamo e che non riguardi motori figa o il telefonino (non necessariamente in questo ordine) dal quale manda continuamente messaggi verso una presumibile logorroica donzella all'esterno. E' simpatico, nonostante tutto.
Il capo officina ha la mia età, lavora dalle sei alle diciotto, cinque giorni a settimana e spesso anche al sabato mattina. Nel suo lavoro è in gamba, mi sembra di capire. Con lui ho avuto un interessante scambio di opinioni sulla situazione lavorativa e politica italiana, il cui riassunto sta nelle sue frasi "tanto in qualche modo te lo pigli in culo comunque" e nella sempre gettonata "alla fine son tutti uguali". Sembra un bravo tipo.
La ragazza slava moglie e madre da poco lavora lavora lavora, e non si stacca mai dalla macchina, e si accontenta dei mille euro al mese che porta a casa facendo tre turni nonostante sappia che il suo lavoro in altri posti è meglio pagato e che anche lì dove ci troviamo dovrebbe essere meglio pagato. Per ora le va bene così, dice: il figlio è piccolo e il lavoro è vicino casa. La capisco.
La donna dal nome siciliano si lamenta di continuo di un'altra donna che lavora lì, il cui nome ignoro, che ha come principali difetti, a suo dire, l'esser grassa oltre il dovuto e l'essere stronza in misura proporzionale. A sentire la sicula di seconda generazione pare che la donna grassa e stronza sia odiata da tutti in quel posto, per motivi che non sono stato troppo ad indagare, ma essendo l'unica, a quanto mi par di capire, che mal accetta la situazione lavorativa in cui si trova (operaia tre turni per quattro soldi al mese) ho come l'impressione che sia anche l'unica con un po' di sale in zucca, per quanto non conoscendola mi riservo ogni commento.
Poi c'è il ragazzo marocchino, magro come un fil di ferro, che anche lui pare stia un po' sull'anima a tanti, e anche lui mal accetta la situazione alla pari della donna grassa e stronza (dicono). Con lui ci ho parlato, e non mi sembra che abbia nulla fuori posto in quanto a ragionare e a far valere i propri diritti, per cui se tanto mi dà tanto ho proprio idea che nel resto della truppa operaia che riempie la baracca ci sia qualcosa che non proprio non va. Ma non li conosco tutti, non ci ho mai parlato, per cui meglio non dire nulla.
Pare strano, ma quando entri lì dentro il mondo di fuori sembra non esista più. In tre settimane che son lì non ho sentito nominare Berlusconi, Fukushima, la Libia etc una sola volta. Mai, nemmeno una volta. E sì che ne sono successe più in tre settimane che negli ultimi tre anni!
Il posto è a quaranta chilometri da casa. Con la benzina a un euro e mezzo, beh vedete voi, comunque è uno dei pochi posti dove pare assumano invece di licenziare. E' una boita, con macchinari nuovissimi che permettono di fare lavorazioni fichissime, ma pur sempre una cacchio di boita. Per chi non sapesse cos'è una boita, e navigando sull'internet venisse a scoprire che è "una piccola azienda, fabbrica o officina", non si lasci ingannare dalla descrizione che di per sé dice poco o comunque nulla di male, ma con uno sforzo di fantasia cerchi di andare indietro di trenta-quarant'anni e visualizzi una officina di quell'epoca, rimasta nelle infrastrutture tale e quale a quell'epoca, ma con l'aggiunta di sporcizia e decadenza pari al numero di anni in cui siete andati indietro, bagni spogliatoi e mensa compresa.
Tranne che per i dipendenti storici, come in tutte le boite c'è un giro di gente che fa spavento: prima di me negli ultimi mesi mi dicono che ne sono passati una quindicina. Quasi tutti ragazzotti, chi è rimasto una settimana, chi non ha superato i due giorni di prova. Il record degli ultimi arrivi pare sia stato un tizio che ha retto un mese e mezzo, poi ha trovato altro e se l'è filata. Non stento a crederci: le paghe sono al minimo sindacale, il lavoro è pesante, l'ambiente una merda.
Sì lo so, non ripetetemi cose che so da me: bisogna accontentarsi, in tempi di magra, etc etc. Le so da me tutte queste cose, difatti sono lì, in attesa d'altro sempre se arriva, ma posso aspettare. Ma come disse un mio collega operaio, una ventina di anni fa, a chi gli rimproverava i troppi lamenti: "Cambio orari ogni settimana perchè lo decidono altri, lavoro per quattro soldi al mese perché l'hanno deciso altri, mi spacco il culo otto ore al giorno perchè così vogliono altri. Almeno di lamentarmi potrò deciderlo io?"

10 commenti:

Ernest ha detto...

Questo post è davvero bello e ti ringrazio.
La chiusura poi è da sottilenare a due mani.
Mai e poi mai farsi scippare il diritto a lementarsi
un saluto

Gap ha detto...

Hai praticamente detto tutto tu. Una descrizione completa anche della situazione italiana. Preoccupante la siciliana, stronza in quanto sovrappeso e perché sembra non si faccia mettere i piedi in testa. Stiamo proprio messi bene.

Bruno dtdc ha detto...

alla fine hai scelto il certo...te l'avevo consigliato, in un certo senso, anch'io. Ora, però, leggendo questo tuo post, le emozioni che provo sono rabbia e rassegnazione. Auguri, Rouge, comunque. Spero che questa sia solamente una parentesi e che dopo ci sia qualcosa di più aderente ai tuoi desideri e alle tue competenze. Ciao!

Rouge ha detto...

@ Ernest: lamentarsi è di sinistra :)

P.S.
Non riesco ad aprire il tuo blog, o meglio si apre ma poi si pianta. O è troppo carico o questo pc è una ciofeca (più probabile la seconda).
Ciao.

Rouge ha detto...

@ Gap: sulla grassa e stronza non dico nulla. In pratica non la conosco. Magari c'hanno ragione loro ed è davvero stronza.

Rouge ha detto...

@ Bruno: in realtà avevo scelto l'incerto l'altra volta. Inutile perdere tempo da chi si presenta dicendoti "qua da noi lavoriamo dieci ore al giorno più il sabato" e in aggiunta "non è che noi adesso ti insegnamo e tu poi fra sei mesi prendi e te ne vai! Sei mesi... li avrei mandati a cagare dopo due giorni, altro che sei mesi.
Questa volta almeno applicano il ccnl metalmeccanici, seppure al minimo minimo.
Comunque, vedremo.

MaSeTu ha detto...

il mondo delle fabbriche è un mondo strano.una volta che si supera il cancello di una fabbrica il mondo è diverso (spesso in peggio). Nelle fabbriche valgono regole strane! da fuori il lavoro dell'operaio può anche essere ben visto, ma la realtà da dentro è sempre un'altra! buona serata!

Rouge ha detto...

@ MaSeTu: Eh già.

Hassan Bogdan Pautàs ha detto...

Ciao @Rouge, le tue parole sono l'unica cosa sensata che io abbia letto o sentito in questo Primo Maggio. Avrei voluto sentirle oggi sul palco di piazza San Carlo, invece a un certo punto mi è sembrato di essere a Messa, con tutto il rispetto per chi va in Chiesa. Buon Primo Maggio, anche di sera.

Rouge ha detto...

@ Hassan: Sono giornate un po' retoriche, necessarie però.

P.S.
Stesso discorso che per Ernest, anzi, aprire il tuo sito mi imballa tutto. Peccato. Non ho ancora capito se è un problema mio.