martedì 7 aprile 2009

Lo sciacallo

Il Bandana si è fiondato sulla tragedia abruzzese con una velocità, capacità e voracità davvero impressionante, annullando di fatto le ultime recenti difficoltà in campo internazionale.
Ha cancellato gli impegni all'estero, è corso sul posto, ha dispensato elogi e confortato la popolazione, ha promesso aiuti e ricostruzioni rapide, vaneggiando già di future "new town". In poche parole ha consolidato il suo potere agli occhi della gente, proponendosi come salvatore della Patria, identificandosi e facendosi confondere con lo Stato, dimenticando che ne dovrebbe essere solo un servitore, non il padrone.
Il popolo applaude, i media applaudono.
Da Wikipedia:
"Nel linguaggio comune, il termine "sciacallo" viene spesso usato in senso denigratorio per riferirsi a persone, soprattutto per indicare chi trae in qualche modo giovamento dalle difficoltà altrui."
Se non fossi schifato sarei quasi ammirato.

7 commenti:

Le Favà ha detto...

Il bello è che credo veramente sia normale per lui. Magari non lo fa di proposito, ma essere il centro dell'attenzione per lui è normale. E' patologico.

articolo21 ha detto...

Anche questa può essere una forma di sciacallaggio. E' vero.

Alessandro Tauro ha detto...

Tg1, il premier Berlusconi e i ladri nelle case diroccate. Qualcuno mi trovi delle sostanziali differenze. Se ci riesce!

La Mente Persa ha detto...

Ha rifiutato gli aiuti esteri con ORGOGLIO, Mi ricorda qualcuno di nero....

il monticiano ha detto...

Un saluto e tanti auguri pasquali.

Il Grande Favollo ha detto...

http://politicaesocieta.blogosfere.it/2009/04/terremoto-in-abruzzo-anna-blogger-de-laquila-parla-coi-medici-oltre-1000-morti.html

upupa ha detto...

.quello che mi fa inc...di più sono i sorrisi e gli applausi che riceve...."il sultano" non fa altro che farsi propaganda....e preparare il terreno per rubare ancora...anche sulle disgrazie dei poveri cittadini!
Quando lo capiamo?