mercoledì 18 giugno 2008

Inquieto

Segnali inquietanti da Roma e dintorni, mentre intorno tutto o quasi tace e tutti attendono che il Paese riparta economicamente (perchè ormai solo quello interessa).
Siamo un popolo di santi poeti e di ottimisti, e questi ultimi dicono che è certo che la nave ripartirà ("dove arriverà, questo non si sà", cantava l' Endrigo triste), ovvio che ripartirà, deve ripartire.
Ma mi si è affacciata alla mente una domanda atroce: e se non ripartisse?

5 commenti:

scrittrice75 ha detto...

è QUELLO CHE MI CHIEDO SEMRPE ANCHE IO? E SE NON RIPARTISSE
IL DUBBIO MI ATTANAGLIA E MI ANGOSCIA

wilson ha detto...

Abbiamo ancora una nave? Non se la sono ancora venduta?

Rouge ha detto...

Per il momento è alla fonda senza carburante.

riccardo gavioso ha detto...

visto il timoniere che ci è toccato in sorte, " aspetta e spera... " mi sembra l'ipotesi più plausibile ;)

blog molto interessante, oltre che concittadino: l'ho aggiunto al mio blogroll

Rouge ha detto...

Riccardo ti ringrazio e ricambio.